Dott. Riccardo Simoni


Vai ai contenuti

DELIRIO

I MIEI APPUNTI




DELIRIO



Il fenomeno del delirio riveste un posto centrale
nella nosografia e nella psicopatologia, essendo la presenza
di una sintomatologia delirante elemento chiave
per caratterizzare nosograficamente specifici gruppi di
disturbi, nonché elemento diagnostico per altri.
Riferendosi a Jaspers (1), possiamo intendere il delirio
come un termine designante fenomeni del tutto
eterogenei: è solo l'esteriorità di giudizi errati che permette
di dare lo stesso nome a cose così completamente
diverse come, per es., il delirio dei popoli primitivi,
dei dementi, dei paranoici. Si attribuisce, infatti, all'uomo
primitivo una vita psichica poco differenziata,
con difficoltà nel distinguere percezioni e rappresentazioni
della sua fantasia come entità estranee secondo
la loro origine.
Nel disfacimento della vita psichica,
l'Autore indica come ogni rappresentazione che insorga
sia realtà, come ogni pensiero venga considerato
semplicemente giusto e ogni contenuto reale.
Queste
due modalità di vivere il delirio si differenziano dal paranoico
ove la completa differenziazione, la critica severa
e la buona capacità di pensare non gli impediscono
di essere convinto del contenuto delle idee deliranti.
Egli ha, infatti, racchiuso determinate esperienze
che per lui hanno un certo valore, spesso maggiore dell'esperienza
generale. Le ha elaborate con le sue esperienze,
e con serietà e profonda commozione ha creato
il suo sistema delirante che fermamente si mantiene.
Non gli mancano affatto le rappresentazioni contrarie,
ma le respinge con la critica, né gli manca la differenziazione
necessaria per distinguere le diverse fonti del
nostro sapere, ma invoca la sua fonte, sia essa soprannaturale
o naturale (1).
Sia il pensiero sia il delirio necessitano dell'analisi
fenomenologica come esperienze singolari (esperienze
Muscillo M, et al.
Rivista di psichiatria, 2005, 40, 4
242
deliranti primarie), e come disturbi del pensiero (pensiero
schizofrenico). In entrambi i casi, è necessario
porre l'attenzione alla forma del disturbo, a come si
presenta, ponendo in seconda battuta l'analisi dei contenuti,
riconoscendo la tipica e frequente relazione fra
contenuto e psicosi.
L'esperienza delirante primaria, in
cui si fa centrale l'assoluta convinzione della validità
del contenuto di quella, è un effetto della personalità
trasformata dalla schizofrenia che produce modificazioni
del contenuto dell'esperienza vissuta.
Tuttavia,
Jaspers ricorda che non esiste un mondo schizofrenico
unico, ma molti mondi nell'ambito della schizofrenia:
se si trattasse di un'immagine del mondo unitaria e costante,
tutti gli schizofrenici dovrebbero intendersi fra
loro e formare una comunità, ma ciò che risulta è proprio
il contrario.
Nel delirio la parola perde la sua funzione di comunicazione,
di tramite tra gli uomini per la condivisione
di un mondo, diviene astrazione, esclusione, confine,
che pure si mantiene negli stati cronici dove la comunità,
laddove il delirio mantiene il suo essere egocentrico,
non trova posto, ne viene esclusa. I mezzi di comunicazione
sono naturalmente identici a quelli degli
individui sani: formulazioni razionali, prove, informazioni,
sistematizzazioni con ripetizioni e conferme
giornaliere, ma il contenuto delle comunicazioni è il
delirio che procede dalla fonte dell'esperienza schizofrenica.

Ciò non si può comprendere affatto nel carattere
della psicosi che strappa chi ne è colpito dal suo
mondo precedente come se un evento di radicale distruzione
dell'individuo fosse oggettivato simbolicamente
da lui stesso.
Jaspers (1) ha sottolineato le differenze del delirio
primario dalle ideazioni derivabili: per l'Autore
le idee
deliranti non possono esser fatte derivare da nessun altro
contenuto psicologico del soggetto, né dalle problematiche
interpersonali o dagli stati emotivi.
"Perché
si realizzi un delirio deve aggiungersi qualche cosa di
nuovo".
Con Ey, et al. (2) ricordiamo quanto il
delirio sia
identificabile con la psicosi, con la perdita dei rapporti
usuali con la realtà,
con la condivisione di un mondo
con gli altri uomini: se si intende per alienazione una
modificazione radicale dei rapporti dell'individuo con
la realtà, si può dire che quel che viene così indicato è
il delirio sotto forma non di esperienze deliranti e allucinatorie,
ma sotto forma di credenze incrollabili, di
idee deliranti.L'alienazione della persona è il delirio in
quanto concezione del mondo e asse dell'esistenza.
L'alienazione dell'Io consiste in un'inversione dei rapporti
di realtà fra l'Io e il suo Mondo: in altri termini
l'alienazione è il delirio. Non il delirio dell'esperienza
delirante o il delirio vissuto sul registro dell'attività
percepita, ma il delirio della credenza delirante, dell'idea
delirante. Le idee deliranti costituiscono i temi che
esprimono lo sconvolgimento dell'esistenza, dei rapporti
dell'Io con il suo Mondo, sia che questo venga apparentemente
dilatato dall'espansione dei desideri
dell'Io contro la realtà, sia che venga trascinato nel
movimento di retrazione dell'Io.
Nel delirio vi è l'uscita dalla comunità sociale, dal
pensiero condiviso. Nella destrutturazione della coscienza,
che si fa mente bicamerale per Jaynes (3), vi è
la nullificazione dell'esperienza in cui ciò che prima si
conosceva non conta più nulla.
L'organizzazione funzionale
del cervello si riassesta a un livello funzionale
più primitivo, più conservativo, con un ritorno alla
mente bicamerale in cui si perdono le modificazioni
storiche e culturali.
Emergono infatti, nel delirio, timori
e paure ancestrali e primitive; pulsioni fondamentali
ed elementari; bisogni profondi ed essenziali che si
spingono in una dimensione paradossale ove tutti gli
uomini sono uguali.
Nello studio del delirio ci si accinge, quindi, a esplorare
l'uomo nei suoi tratti ancestrali, istintivi e, al tempo
stesso, negatori dell'istinto, esplorando una forza
anticonservatrice che, tuttavia, permette all'individuo
la sopravvivenza.
La difficoltà dell'incontro con il delirio, con la sua
complessità, viene sottolineata da Jaspers (1) che già
nella definizione di esso fa ricorso a diverse lenti d'ingrandimento.
Prendendo in considerazione la psicologia
delle prestazioni afferma, infatti, che il delirio esiste
solo laddove la causa dei giudizi errati non sia disturbo
dell'intelligenza, né disturbo conseguente a uno
stato di coscienza modificato nel momento. "Nel pensiero
del delirante sta qualcosa che gli mostra un'evidenza
incrollabile là dove gli altri, anche malati, riconoscono
l'errore.
Ma il pensiero è in ordine, non è il
delirio un disturbo delle prestazioni ma proviene da
qualcosa di più profondo".
Sul lato fenomenologico l'Autore pensa che alla base
del delirio vi sia un'esperienza vissuta radicalmente
estranea alla persona sana, un elemento primario che
sta prima del pensiero e nel pensiero ha la sua chiarificazione.
Detto elemento deve essere in rapporto con
una trasformazione radicale della personalità, senza la
quale sarebbe inconcepibile la insuperabilità del delirio,
e la sua incorreggibilità essenzialmente differente
rispetto a tutti gli errori.
Nell'ambito dei rapporti geneticamente comprensibili,
comprendiamo che
una credenza delirante possa
sfociare dall'intollerabilità, rappresentare cioè il riscatto
da una realtà, concedendo una soddisfazione specifica
che si fa ragione per cui essa è mantenuta.
Ma proprio
quando questa comprensibilità riguarda non solo
il contenuto,ma l'insorgere del delirio, essa ne annulla
la diagnosi, perché questa comprensibilità ci fa capire
solo l'errare universale dell'essere umano, ma non il
delirio.
Tutto questo ci sottolinea quanto sia importante riprendere
le diverse definizioni del delirio, in quanto
problema centrale della psichiatria.
Bini e Bazzi (4) sottolineano il distacco dalla realtà
oggettiva, l'errore nel coglierla: "il delirio è l'idea errata
per alterazione morbosa della coscienza di realtà".
Anche per Bumke (5) è da sottolineare il carattere patologico,
morboso, per cui l'idea delirante è "un errore
provocato morbosamente e nel medesimo tempo incorreggibile".
Per Bleuler (6), è "un errore sorto dal
sentimento di significazione morbosamente alterato: è
incorreggibile perché è vissuta come assolutamente
certa". Secondo Sims (7), "un delirio è un'idea falsa,
non criticabile, o una convinzione che non è riferibile
al retroterra educativo, culturale o sociale del paziente;
essa viene sostenuta con straordinaria convinzione
e certezza soggettiva".
Dal punto di vista fenomenologico, l'idea delirante
è indistinguibile da una convinzione vera. Per una persona
delirante il delirio è molto più simile a una convinzione
vera che all'immaginazione.
I deliri non sono
ben accettati dalle persone sane di mente, la stessa etimologia
della parola sottolinea il falso, l'allontanamento
dal vero e dalla comunità umana. Sims (7) ci ricorda
infatti che la parola inglese delude deriva dal latino
e implica il gioco, la burla; simile l'equivalente tedesco
wahn, che sta a indicare un capriccio, una falsa
opinione. La parola francese délire indica l'uscita dalla
via percorsa e condivisibile, implica infatti l'idea dell'aratro
che esce dal solco (lira). Sempre l'Autore inglese
ci ricorda che la decisione di chiamare delirante
una convinzione non è attribuibile alla persona che ha
questa idea, ma a un osservatore esterno; secondo tale
Autore questo impedirebbe l'esplorazione fenomenologica,
il comprendere empatico del delirio. Per tale
motivo, non possono esserci definizioni fenomenologiche
del delirio, dal momento che
la persona che sostiene
questa credenza la sostiene con la stessa intensità
con cui sostiene altre idee non deliranti. I deliri sono
errori dell'ideazione simili agli errori percettivi, come
le allucinazioni, sono reali per chi le vive, false all'interlocutore,
e quest'ultimo può solo utilizzare i propri
sensi inalterati, la propria ideazione, il proprio punto di
vista, per figurarsi l'errore percettivo, l'errore del pensiero,
il delirio.
L'importanza data dal contesto culturale e sociale
per riconoscere il delirio risale agli inizi del '900, epoca
in cui si definisce il delirio come giudizio incrollabile
che non può essere accettato dalle persone della
(Aspetti psicopatologici del delirio
Rivista di psichiatria, 2005, 40, 4
243)
stessa classe, educazione, razza ed età della persona
che fortemente lo sostiene.Tuttavia, questa definizione
non sembra evidentemente esaustiva: alcune opinioni
molto personali, come l'innamoramento per una determinata
persona, possono non essere condivise dalla
propria comunità, ma non possono essere considerate
un fenomeno delirante. Se quindi non è derivabile dal
retroterra culturale o educativo della persona, deve assumere
più importanza la sua convinzione falsa e incorreggibile
che nasce all'interno del processo morboso
e in esso trova la sua giustificazione al di là del rapporto
con gli altri. Rispetto a esso, alla comunità, il delirio
rappresenta la rottura con il mondo, il fallimento
dell'intersoggettivo.
Per Jaspers (1), il delirio è un'esperienza
originaria e inderivabile, un'alterazione del
rapporto con la realtà, che coinvolge tutta la personalità;
ancora più importanza viene data all'incontro intersoggettivo
nell'approccio antropoanalitico, in cui il
delirio è la soluzione, inevitabile, a un "errore" dell'incontro
interumano, a un progetto mondano ristretto e
coartato.
La solitudine, l'isolamento e la distanza appaiono,
infatti, gli aspetti centrali di molti deliri: l'essere
nel delirio è un modo peculiare di essere nel mondo,
non corrispondente all'essere nell'amore, bensì all'essere
nella fuga, in un separarsi dalla realtà.
Così anche
per la psicopatologia francese, alla base del delirio vi è
sempre uno sconvolgimento dei rapporti dell'Io, con il
suo mondo (2). La perdita del rapporto con la realtà è
essenziale, nella genesi del delirio, anche nell'interpretazione
di Freud: lo psicotico abbandona la realtà per
le intollerabili frustrazioni che angosciosamente lo obbligano
alla ricostruzione di una nuova realtà, attraverso
i momenti psicoanalitici fondamentali quali il disinvestimento
oggettuale, il ripiegamento narcisistico e
la ricostruzione del rapporto con la realtà, in opposizione
al meccanismo che permette invece un nuovo,
seppur patologico, rapporto con la realtà: la proiezione,
convalida appunto della direzione in una dimensione
di fuga cercata.
Un'analisi psicopatologica ci dovrebbe permettere
di riconoscere il delirio in quanto tale e nella pienezza
dei suoi attributi, con un'attenzione particolare alla
forma del delirio, al modo in cui si esplica, in cui è concepito.
È così allora che incontriamo l'ottica speculativa
di
Schneider (8), in cui si sostiene che proprio la forma
è ciò che caratterizza il delirio e non tanto il contenuto.
Il delirante vive in una modalità esperienziale sui
generis, caratterizzata dal venir meno di quei rapporti
con il mondo che lo rendono comune e comunicabile,
condivisibile e quindi vivibile. I significati delle cose
sono comuni solo quando assumono un valore che, trascendendo
l'esperienza del singolo, li rende comunicabili.
(Muscillo M, et al.
Rivista di psichiatria, 2005, 40, 4
244)
Schneider descrive il delirio soprattutto in due forme:
come percezione delirante e come intuizione delirante.

Nella percezione delirante a una percezione
reale viene attribuito, senza un motivo comprensibile
conforme alla ragione o al sentimento, un significato
abnorme, inderivabile spesso bizzarro, generalmente
nel senso dell'autoriferimento. C
'è un divario, quindi,
dalle reazioni d'avvenimento, in cui su base affettiva,
vi sono delle interpretazioni che si verificano sullo
sfondo di un determinato stato d'animo, parallelamente
a quanto avviene al soggetto che, avendo paura
di essere arrestato, scorge un poliziotto in qualunque
persona che intravede. Queste ultime risultano
però comprensibili mentre la percezione delirante è
imperniata su caratteristiche patologiche, in cui peraltro
possono esser presenti anche le reazioni d'avvenimento.
L'intuizione delirante, invece, è simile al sentire
vocazionale religioso o politico, dell'avere una capacità
particolare, dell'esser perseguitati.
Per la diagnosi
di schizofrenia ha un significato molto meno importante
di quello della percezione delirante in cui i
pensieri da essa alimentati, come pure le intuizioni deliranti,
vengono sostenuti e mantenuti, secondo Schneider
(8), dalla stessa fonte che li ha generati.
I veri
deliri, nella loro essenza primaria, quasi primitiva, sono
indipendenti da qualunque esperienza psichica, si
presentano come fenomeni primari inderivabili, psicologicamente
indeducibili e quindi incomprensibili. Ma
l'incomprensibilità non si riferisce ai contenuti del delirio,
bensì è il modo con cui tale convinzione si instaura
che ci appare sfuggente, non intuibile, che evade
la nostra capacità di immedesimazione e ne evade
la comprensione.
È in quest'ottica che Schneider (8)
pone la differenza tra "l'esser così del delirio e l'esserci
del delirio".
Si consideri, inoltre, che nessuno dei tre criteri di Jaspers
del delirio (l'assoluta certezza soggettiva, la non
influenzabilità e l'assurdità del contenuto) preso isolatamente
è sufficiente per distinguere un'ideazione normale
da un'ideazione delirante. Secondo Pancheri (9),
la "certezza soggettiva" è un criterio chiaro e univoco
ma in se stesso aspecifico, in quanto comune a un ampio
spettro di vissuti sia normali sia patologici. L'Autore
ritiene, infatti, più importante e specifico il criterio
della "incorreggibilità".
Caratteristica dell'esperienza
delirante è la sua non modificabilità di fronte sia ad argomentazioni
di tipo logico, sia di fronte all'evidenza.
Ancora più problematico è il criterio della "impossibilità"
della certezza soggettiva, da molti considerato come
il più importante criterio per una definizione corretta
dell'esperienza delirante. Rispetto alla comprensibilità,
anche altri eventi molto lontani dal nostro modo
di essere sono comprensibili, ma nel delirio questa
comprensibilità appare venire meno: possiamo così
comprendere come si sia sviluppato il tema delirante.
Tuttavia il delirio, nella sua assoluta convinzione, risulta
incomprensibile, rimanendo questo il nucleo fondante
del delirio primario: la sua insuperabile e penosa
incomprensibilità.

LA WAHNSTIMMUNG


Il delirio primario è spesso preceduto da uno stato
d'animo o umore predelirante (Wahnstimmung), altrimenti
definito variazione di coscienza predelirante.
Questa è ricondotta a una variazione della coscienza
dell'Io e del sentimento del giudizio di realtà, che sono
alla base della sicurezza soggettiva e intersoggettiva
dell'Io nel mondo.
La Wahnstimmung è la porta della psicosi, della schizofreni
a.
Berner (2) propone, al posto di Wahnstimmung,
la definizione di atmosfera delirante che, secondo
l'Autore, rimane più neutra rispetto al fatto che sia
l'umore a condizionare la cognizione o la cognizione a
condizionare l'umore. Se si accetta la prima ipotesi, dovremmo
in realtà liquidare la scala gerarchica di Jaspers
e considerare comprensibile il delirio, derivabile
da una situazione affettiva, come il delirio olotimico.
Ricordiamo anche che, per Schneider (8), la percezione
delirante non è deducibile da uno stato d'animo, non
contraddicendo comunque il fatto che possa essere presente,
prima della percezione delirante, una disposizione
d'animo a delirare.
Lo stato d'animo predelirante va
qui visto come un pre-stadio, anch'esso non derivabile.
La Wahnstimmung coincide con una sensazione angosciosa
e terribile di una progressiva e indefinibile
trasformazione del mondo, di un cambiamento degli
atteggiamenti delle altre persone che assumono sinistri,
misteriosi e, al contempo, inafferrabili significati
(10,11). Il soggetto, perplesso, è incapace di esprimere
un giudizio su quanto avviene dentro di sé e attorno a
sé ed è caratterizzato da una ridotta attività motoria.
Appare sospeso nel giudizio che dà al mondo circostante,
tuttavia ha il sospetto che quanto accade sia
dannoso per lui, e non a caso (12).
Per un paziente che esperisce l'atmosfera delirante,
il mondo è cambiato in maniera sottile, avverte ogni
cosa intorno a sé come sinistra, portentosa, sconosciuta
e peculiare in modo indefinibile. Sa di essere personalmente
coinvolto, ma non sa come. Tutto assume un
carattere estraneo, enigmatico, sinistro e rigido, in un
incubo di incantesimo maligno, in una quarta dimensione
difficilmente rappresentabile e non immediatamente
comprensibile. Ha un sentimento di premonizione,
qualche volta anche di eccitamento e in attesa di
sapere cosa sta cambiando, tutti i sensi sono proiettati
verso una soluzione. Il paziente è scosso, si sente
profondamente a disagio, perplesso e in apprensione.
Ed è solo quando si innesca il delirio che sembra che il
paziente lo accetti e provi un certo senso di sollievo rispetto
alla precedente tensione intollerabile dell'atmosfera
delirante
(11).
Callieri (11) sottolinea l'aspetto egocentrico della
Wahnstimmung, che appare "piena di Io"
. Un Io che
non è ancora al centro del sistema delirante, che non è
ancora nato, ma è tutto funzione dell'Io. In questo senso
la Wahnstimmung non è preparazione al delirio ma
già una massima esperienza psicotica.
Ricordando il modello dinamico, si postula l'esistenza
di una forza, di un'energia, il cui fondamento è
biologico ma non in modo meccanicistico. L'essenza
della legge mentale è teleologica, ovvero l'attività
mentale è un'attività finalistica, che si manifesta come
volontà di perseguire i suoi fini o come intelligenza
nella scelta dei mezzi idonei. Questa energia o tensione
della psicosi acuta si assoggetterebbe a un continuo
e incessante incremento, come in una reazione di allarme
protratta, fino all'esaurimento finale, che in una dimensione
temporale potrebbe coincidere con la situazione
di cronicità. Per Janzarik (2) vi è un'instabilità
dinamica alla base della psicosi. È un concetto che può
rimandare alla psicosi unica, in quanto l'Autore definiva,
in base a questa energia dinamica, i disturbi mentali
maggiori: espansione dinamica=mania; restrizione
dinamica=depressione; instabilità dinamica=Wahnstimmung.
Per Berner (2) lo sviluppo della psicosi può essere
scatenato da situazioni stressanti somatiche o psicosociali;
se ciò conduce a un disturbo schizofrenico, schizoaffettivo
o affettivo, dipende da due condizioni: da
una parte la forza o la relativa debolezza della struttura,
dall'altra il normale livello dinamico dell'individuo.
Le strutture deboli con livello dinamico molto basso
conducono quindi alla psicosi acuta o Wahnstimmung.


I CONTENUTI DEL DELIRIO


I deliri sono molto variabili nel loro contenuto e, diversamente
dalla forma che viene dettata dal tipo di
malattia,
esso è determinato dal retroterra emotivo, sociale
e culturale del paziente
(6). Con Jaspers (1) ricordiamo
che
il contenuto delirante può essere organizzato
in vari modi differenti.Abbiamo, infatti, un delirio
centrato sulla personalità in cui il malato è quasi
sempre al centro del delirio. In esso troviamo i cosiddetti
contenuti oggettivi, che Jaspers indica come il delirio
di grandezza, di piccolezza, il delirio di persecuzione,
quello ipocondriaco, le idee deliranti erotiche e
quelle religiose.
Consideriamo, inoltre, quello in cui
esiste il legame con l'opposto:
ogni delirio ha la sua radice
comprensibile nella tensione dei contrasti. Nel delirio
si manifesta il conflitto fra la realtà e le proprie
brame, fra le esigenze coercitive e i propri desideri, fra
degradazione ed elevazione. Il delirio abbraccia sempre
entrambi i poli: l'elevazione e la degradazione della
propria persona, andando il delirio di grandezza e il
delirio di persecuzione di pari passo.
Con Pancheri (13) possiamo convenire che solo i
contenuti del delirio sono apparentemente infiniti,
tuttavia
i temi sono limitati. Infatti, nel delirio l'immensa
variabilità dei contenuti di coscienza si semplifica e si
focalizza su pochi contenuti ripetitivi e stereotipati. Si
possono riportare i temi deliranti alle quattro istanze
fondamentali dell'uomo, che appaiono essere: la sopravvivenza
individuale; la sopravvivenza della specie;
l'esigenza di eternità; la comprensione dell'assurdo.
Le prime due istanze sono collegate all'aspetto biologico
dell'uomo, ovvero soddisfano delle esigenze comuni
agli altri mammiferi, delle "spinte" biologiche a
cui l'uomo non può sottrarsi. Le altre due istanze sono
una conseguenza dell'autoriflessione, del ripiegamento
della coscienza su sé stessa, essendo questo aspetto tipico
dell'essere umano, non condiviso con le altre specie.
Rispetto all'istanza concernente la sopravvivenza
individuale, possiamo trovare tutti quei deliri che hanno
come tematica comune la paura, il timore per il pericolo,
per l'integrità del corpo e della mente e troviamo
allora i deliri di persecuzione, di riferimento, d'influenzamento,
di trasformazione, di veneficio e di possessione
(13).
Nell'istanza della sopravvivenza della specie, la
spinta alla riproduzione si fa tematica comune e così
abbiamo i deliri di erotismo, di gelosia, di somatizzazione
sessuale, i deliri di gravidanza, d'innamoramento
e di accoppiamento.
Gli altri due temi escono dal biologico e in questo
caso i contenuti deliranti sono più difficili da intuire,
proprio perché rispondono a esigenze tipiche dell'uomo,
non in comune con le altre specie.
L'istanza dell'esigenza di eternità ha come tematiche
comuni ai deliri la ricerca della morte o, al contrario,
la negazione della morte: i deliri di colpa, di rovina,
d'indegnità e i deliri di fine del mondo.
Ma è nella comprensione dell'assurdo che ci imbattiamo
in una dimensione antica. Fin dal primo lutto
l'uomo ne ha cercato una ragione che si esplicasse in
un determinismo nel senso della vita: è proprio della
nostra specie cercare delle spiegazioni anche quando
non abbiamo gli elementi che ci permettano di trovare
(Aspetti psicopatologici del delirio
Rivista di psichiatria, 2005, 40, 4
245
Muscillo M, et al.
Rivista di psichiatria, 2005, 40, 4
246)
un senso.A questa esigenza rispondono la religione, il
misticismo, la magia o le proprie credenze. È quando i
deliri riguardano questa istanza che la fascinazione e la
ricerca del trascendente sono le tematiche coinvolte: i
contenuti deliranti vertono sul misticismo, sull'identificazione
e/o comunicazione diretta con entità trascendenti
e sulla delega di poteri dalla divinità.
Le istanze fondamentali dell'uomo sono normalmente
mediate dal nostro assetto cognitivo, cioè dalla
mediazione cognitiva che fa da filtro a queste istanze e
nel delirio non si ravvisa più questo filtro della cognizione
e le suddette istanze divengono quindi potenti,
totalizzanti fino a sconvolgerne la vita. È in questo
aspetto totalizzante che si comprende bene la processualità
schizofrenica, il funzionamento a un livello più
basso, inferiore, diverso, in cui tuttavia sono rispettate
le istanze fondamentali, a dispetto di qualsiasi logica o
necessità di condivisione e si torna primitivamente al
funzionamento della mente bicamerale.


L'ORIGINE DEL DELIRIO


La realtà è stata definita come ciò che è modificabile
per l'azione e non modificabile per il pensiero. Janet
(2) ha sottolineato che la realtà non è unitaria ma pluristratificata,
composta cioè di diversi piani e dimensioni.
La coscienza del reale non si esaurisce, quindi,
nella valutazione di oggetti appartenenti al mondo
esteriore ma riguarda anche l'apprendimento di sé
stesso e dei propri contenuti psichici.
La realtà può essere rappresentata come una sorta
di piramide, in cui si possono differenziare diversi livelli:
un livello di realtà è rappresentato dai corpi, dagli
oggetti; seguono il livello costituito dalla credenza
nello psichico proprio e altrui, quello degli avvenimenti
presenti; poi quello delle azioni, degli stati emotivi,
del futuro prossimo, del futuro lontano, del passato remoto,
dell'immaginazione e dei fantasmi creati dai sogni
a occhi aperti. Si tratta, dunque, di una realtà sempre
meno consistente e tangibile sul piano sensoriale.
L'individuo sano, a ogni livello, fa corrispondere un
comportamento adeguato e una corretta cognizione
che rende quel livello comprensibile.
Secondo alcuni
Autori, nel delirante avverrebbe una trasposizione fra
livelli di realtà e modalità di comportamento; irromperebbe
un parallelismo tra i diversi piani di realtà: a una
forma di natura evanescente, come può essere un'immagine,
corrisponderebbe da parte del soggetto una
considerazione soggettiva propria di un oggetto reale,
concreto. È attraverso questo meccanismo che l'immaginario
potrebbe penetrare nel mondo reale, costituendo
il delirio.
Ricordando che il delirio è un'idea, essa deve trarre
la sua origine nelle stesse condizioni di qualsiasi altra
idea, e cioè nel contesto di una percezione, di un ricordo
o di un'atmosfera. In maniera opposta può altresì
essere autoctono, ovvero verificarsi in modo spontaneo.
A questo punto potremmo delineare che il sorgere
del delirio si muove all'interno di diversi campi che
comprendono: percezione, memoria, umore, stato interno
.
È seguendo queste coordinate che troviamo, infatti,
il manifestarsi del delirio come: percezioni deliranti,
ricordi deliranti, atmosfera delirante e deliri autoctoni
(intuizioni deliranti).
Le percezioni deliranti si riscontrano quando il paziente
ha una percezione normale che viene interpretata
secondo un significato delirante e d'immenso significato
personale;
esse sono fondamentali per Schneider
(8), tali da venir considerate sintomi di primo
rango della schizofrenia.
Per quest'Autore, la percezione
delirante è l'attribuzione abnorme a un concetto
reale, senza alcuna causa comprensibile in termini razionali
ed emotivi; è autoriferita, urgente, di grande importanza,
di significato personale sconvolgente e falsa.
Una percezione delirante comporta un'esperienza diretta,
non trattandosi semplicemente di un'interpretazione
che possa accordarsi con altre credenze deliranti
già stabilite: la percezione delirante è dunque un'esperienza
diretta di un significato che il paziente precedentemente
non aveva.
Gli oggetti o le persone assumono
un nuovo significato personale che è delirante
nella sua natura.
L'interpretazione delirante di una
percezione normale non è una percezione delirante, il
delirio era già presente e queste nuove interpretazioni
confermano soltanto il delirio, non lo accendono come
avviene invece per la percezione delirante.
Nei ricordi deliranti, il delirio viene proiettato indietro
nel tempo.
Il paziente rievoca come "ricordato"
un evento o un'idea di natura chiaramente delirante.A
volte sono definiti deliri retrospettivi, ovvero, un avvenimento
verificatosi nel passato viene spiegato in modo
delirante.
Diversamente è probabile che il ricordo
delirante abbia le caratteristiche o dell'intuizione delirante
o della percezione delirante, ma che è ricordata
nel passato anziché come avvenimento che nel presente
si dipani.
I deliri autoctoni sono elementi psicopatologici che
sembrano apparire all'improvviso, "a ciel sereno", indistinguibili
dal punto di vista fenomenologico dal presentarsi
improvviso di un'idea normale. Il paziente non
sa rispondere su come sia nata l'idea. La miglior traduzione
della parola wahneinfall è intuizione delirante.
Questa si verifica in un unico momento, diversamente
dalla percezione delirante che si verifica in due passaggi:
la percezione e la successiva interpretazione erronea.
Svariati sono i fattori coinvolti nella formazione dei
deliri che, per esempio, così potrebbero venir schematizzati:
- un disturbo del funzionamento cerebrale;
- influenze del retroterra di temperamento e personalità;
- il mantenimento dell'autostima;
- il ruolo dell'emotività;
- la risposta a un disturbo percettivo;
- la risposta alla depersonalizzazione;
- un sovraccarico cognitivo.
Troviamo, inoltre, fattori non condizionanti la nascita
del delirio quanto, invece, il suo mantenimento, il far
sì che l'ideazione erronea venga protratta e consolidata
nel tempo:
-
l'inerzia nel cambiare idee e la necessità di coerenza;
- la scarsità di rapporti interpersonali, sordità, mancanza
di parenti, lingua straniera e isolamento;
- comportamenti aggressivi in risposta a deliri di persecuzione;
- il delirio riduce il rispetto per chi ne è affetto, facilitando
così interpretazioni deliranti compensatorie.
È bene sottolineare che nessuno di questi fattori
sembra assoluto ma essi agiscono inizialmente in modo
sinergico per dare il via al delirio e spesso anche dopo
per mantenerlo.
Si può guardare all'atmosfera delirante come primaria,
nascente da ragioni sconosciute e risultante da
un riaggiustamento dei significati del mondo intorno al
paziente che, alla ricerca di una risposta a questo problema
di comprensione, la trova infine nella creazione
di un delirio. Anche Jaspers (1) considerava l'esistenza
di un sottile cambiamento della personalità dovuto alla
malattia, e intravedeva in esso le condizioni per lo
sviluppo di un'atmosfera delirante dalla quale l'intuizione
delirante potesse avere libero sfogo.Questo, tuttavia,
non può essere detto con assoluta certezza, potendo
l'intuizione delirante presentarsi talvolta ex novo,
senza la premessa dell'atmosfera delirante.
Molti Autori hanno desistito dal tentare di spiegare
il delirio, trovandolo totalmente incomprensibile e
ritenendolo dovuto ad anomalie cerebrali.
Bleuler (6)
si concentrò sull'alterazione dell'affettività in quanto
espressione primaria, ritenendo che l'esaltazione affettiva
comportasse la perdita della facoltà associativa
che rendesse così possibile la nascita del delirio.
Kretschmer (2) sottolineò l'importanza della personalità
sottostante; egli descrisse, infatti, la personalità
sensitiva premorbosa dei soggetti che mantenevano
dei complessi di grande pregnanza affettiva e che mostravano
limitate capacità di espressione delle emozioni.
Queste persone asteniche ma con una componente
stenica, a modo loro rigide e di attitudine sospettosa,
esprimevano facilmente e del tutto repentinamente, in
seguito a un'esperienza chiave della loro vita, idee sensitive
di riferimento, che avrebbero avuto poi le potenzialità
di strutturarsi in veri e propri deliri di riferimento.
Oltre a Kretschmer, altri Autori hanno tentato
di trovare un filo conduttore in termini di esperienze
interiori o del retroterra sociale che racchiudesse tutti
i deliri, trovando tra essi Westphal (2) ad esempio: se si
conoscesse tutto del paziente, diventerebbero chiari i
suoi cambiamenti di opinione su sé stesso e le nuove
credenze, e si potrebbe addirittura spiegare il delirio.
Laing (14) considerava la fuga nella follia come una difesa
necessaria contro una famiglia altamente distruttiva:
non solo comprensibile, ma ammirevole, che forse
valeva la pena di emulare.
Winters e Neale (7) considerarono due temi principali:
la motivazione e la defettualità
. Il tema della motivazione
spiega l'insorgenza del delirio per fornire logica
a esperienze percettive insolite o per ridurre stati
psichici spiacevoli; il difetto implica che alcuni deficit
fondamentali attentivo-cognitivi siano presenti in un
delirio.
Matussek (5) ha ipotizzato che nel delirio si verifichi
una prevalenza, rispetto alla norma, di proprietà
qualitative nei confronti di determinati oggetti percettivi:
nella percezione normale di un oggetto, oltre che
l'oggetto stesso nella sua concretezza, si percepisce un
elemento qualitativo a esso inerente: è come se ogni
oggetto fosse circondato da un alone qualitativo, da
una "nuvola di qualità essenziali".
Nella percezione del
delirante queste proprietà qualitative o essenziali s'intensificano,
si accrescono, quasi a discapito della concretezza
dell'oggetto, riportando in qualche modo il discorso
a quanto detto riguardo all'interferenza tra i diversi
piani di realtà.
Il delirio può essere posto in relazione a fatti vitali
di comunicazione: si può sostenere che normalmente
l'uomo assuma nell'incontro con i suoi simili un atteggiamento
di riservatezza, che interponga una certa difesa,
prima di abbandonarsi affettivamente al loro contatto;
le convenzioni sociali, i rituali di saluto o di accostamento,
in fondo hanno anche tale valore. Lo stesso
fenomeno si ripete davanti al mondo, alla realtà che
nella sua interezza sarebbe troppo vasta e insostenibile
e in cui l'uomo ha quindi imparato a proteggersi, diminuendo
la realtà in senso quantitativo. Questa funzione
riducente è un'operazione di pensiero soggettivo:
la stessa percezione non è mai una semplice fotografia
e in ogni soggetto che percepisce vi è una prefigurazione,
come un programma della percezione possibile
e che possibile rende la realtà. Nella percezione
è quindi già implicita una scelta, cioè una riduzione ta-
(Aspetti psicopatologici del delirio
Rivista di psichiatria, 2005, 40, 4
247
Muscillo M, et al.
Rivista di psichiatria, 2005, 40, 4
248)
le che il pensare possa significare per l'uomo contenersi
in un mondo riservato rispetto alla realtà, e così
contattare soltanto la realtà da lui anticipatamente
preparata. Merleau-Ponty (2) ha scritto: "Quello che
preserva l'uomo sano dal delirio o dall'allucinazione,
non è la sua critica, bensì la struttura del suo spazio".
Ey (2) a questo proposito aggiunge che non si tratta
soltanto dello spazio geografico del mondo obiettivo,
quello che circonda gli oggetti del mondo esteriore,
bensì delle forme dello spazio vissuto, seguendo le
quali si organizza l'attualità del campo di coscienza.
All'inizio del delirio vi sarebbe, quindi, una rottura
di questi limiti e di queste difese abituali e ciò potrebbe
coincidere per esempio con l'aspetto morboso primitivo,
essendo questa rottura presumibilmente provocata
biologicamente.
Avremmo così che una realtà,
non più attenuata, possa invadere la sfera psichica dell'uomo
e distruggere quelle configurazioni parziali della
realtà che egli si era costruito, per cui era condizionato.
Per questa irruzione l'uomo vive, quindi, l'esperienza
disgregante della scomparsa dei limiti fra l'esteriore
e l'interiore, sommerso da tanti nuovi stimoli,
sente che la "sua" realtà abituale e normale, cioè ridotta,
si sta vanificando; percepisce la fuga degli abituali
punti di riferimento, e la perdita dell'esatta valutazione
dei diversi livelli e delle differenti forme del reale,
l'organizzazione usuale delle sue esperienze vissute, la
sua stessa identità. Da qui, come descrive Rossini (15),
potrebbe innescarsi la Wahnstimmung. Da qui anche
l'imprescindibile necessità di costruire un mondo nuovo
a sua misura, di riorganizzare un'altra realtà attraverso
un nuovo processo di riduzione, di ritrovare un'identità
per un Io ormai alla deriva.
Da quanto detto, il delirio non può rientrare negli
abituali schemi jacksoniani, non può essere considerato
un semplice sintomo "positivo" di liberazione, rappresentato
da un'attività di tipo automatico, senza alcun
carattere costruttivo.
Nei processi deliranti, invece,
sembrano essere presenti, accanto a fenomeni destrutturanti,
anche fattori strutturanti, ovvero elementi
strutturali attivi da parte dello psichismo.
Anche alcuni
psicanalisti come Nacht o Racamier (2) seguono il
filone concettuale della ricostruzione attiva di un mondo
che si sta perdendo, affer
mando come il delirio sia
dissoluzione del Sé e come in esso scompaiano le referenze
oggettuali. Il soggetto cessa di provare la sua
persona e quella degli altri come entità viventi, separate
e organizzate, e si trova in preda all'angoscia dell'annientamento.
È necessario, allora, che egli ricostruisca
un mondo, una persona e un oggetto.
A favore di questa ipotesi patogenetica del delirio,
in relazione a turbe della comunicazione, potrebbero
essere assunti dati sperimentali, prendendo in considerazione
le sostanze, come mescalina, psilocibina e LSD,
capaci di dar luogo a manifestazioni simil-psicotiche.
Queste sostanze determinano "aperture" abnormi fra
l'uomo e l'ambiente circostante ponendosi, infatti, in
maniera opposta agli psicofarmaci che usiamo nella
cura del delirio, che sono, invece, sostanze che tendono
a "chiudere", a isolare; basti pensare alla clorpromazina
deprimente la sostanza reticolare, apparato appunto
a funzione afferente aspecifica. C'è da osservare,
tuttavia, che il delirio si manifesta anche dove i fatti comunicativi
si restringono o diminuiscono, come nella
depressione o nella deprivazione sensoriale, e inoltre
ricordiamo la possibilità del delirio dei sordi e degli
isolati del linguaggio.
Per Rossini (15) il delirio potrebbe essere spiegato
da una profonda modificazione dei fenomeni di comunicazione,
sia nel senso di un'esaltazione sia nel senso
di una sua diminuzione.
Biswanger (16) parla di tema anziché di idea dominante,
tema dominante appunto, tema dell'esser nel
mondo. Ciò che fino a un momento prima era un problema
diviene soluzione, perdendo il soggetto l'attuabilità
del tematizzare e venendo egli stesso a essere tematizzato.
Il tema si emancipa, ed è subordinato e pensato
ormai solo come astratto. A questo punto non
possono più valere le controargomentazioni che si basano
su fatti ed esperienze concrete: atmosfera e astrazioni
atmosferiche non si possono correggere con argomenti
concreti, l'atmosferizzazione delirante del tema
ci riporta alla Wahnstimmung perché con essa coincide.
Tellenbach (5) parla di una molteplicità di fenomeni
atmosferici: alcuni portano l'uomo sano a un
profondo cambiamento nella vita, come una conversione
o un innamoramento; altri, attraverso il precipitare
nella Wahnstimmung, portano al delirio. Per Tellenbach,
ogni crisi, anche non psicotica, porta a una
metamorfosi della vita. Essa necessariamente passa attraverso
un fenomeno d'atmosferizzazione, paragonabile
all'umore delirante, che rappresenta, per così dire,
l'aura del mutamento in cui si ha il passaggio dall'atmosfera
delirante al delirio manifesto.
Se il delirio è una possibilità di trasformazione immanente
dell'essere umano, non può basarsi su un deficit
che sopraggiunge a colpire questi dall'esterno, ma
sull'autonomizzazione di momenti essenziali normalmente
integrati nella sua natura, non da distruzioni o
negatività, ma solamente da rotture dell'equilibrio dialettico.
Nel delirio non è tanto il contenuto, ma l'atto
del pensiero stesso che esclude ogni possibilità di critica.
Il delirio è una possibilità di trasformazione immanente
dell'essere umano. Lo schizofrenico non vive
unicamente nel mondo del delirio, ma in qualche modo
sembra che lo preferisca, perché il mondo delirante
non si oppone al mondo reale e comune, ma piuttosto
lo ingloba. Crede, dunque, di aver scoperto una visione
che ingloba quella reale (17). La formazione, elaborazione
e mantenimento di un'idea delirante è probabilmente,
come abbiamo visto, espressione di numerose
cause convergenti. Il processo del ragionamento che
trae delle conclusioni circa una situazione dell'ambiente
esterno appare alterato nelle persone che delirano.
Anche l'incapacità di far uso delle conoscenze
apprese precedentemente sulle regolarità del mondo,
con una ridondanza delle informazioni immediatamente
disponibili, potrebbe essere fattore di formazione
del delirio, postulando che deliri e memoria siano
legati. Entrambi, infatti, hanno qualcosa in comune
con il concetto di conoscenza, con ciò che si immagazzina
come informazione, e considerando i deliri come
conoscenze abnormi, non verrebbe scartata quindi l'ipotesi
che i due fenomeni possano avere una base neurofisiologica
comune.
Una spiegazione psicologica alternativa per i deliri
deriva dalla teoria dell'attribuzione sociale in cui i soggetti
deliranti sembrano fare per gli eventi negativi
delle attribuzioni globali, stabili, esterne in modo eccessivo
e attribuzioni stabili e globali interne in modo
eccessivo per gli eventi positivi. Le persone deliranti
non vogliono attribuire a se stessi gli eventi negativi
dei quali sono vittime, così come sono riluttanti ad attribuire
eventi negativi alle vittime stesse. I deliri hanno,
in quest'ottica, funzioni protettive sull'abbassamento
dell'autostima.
Le persone deliranti valutano anche le proprie affermazioni
causali in un modo diverso. I deliri sono legati
sia al significato personale sia al confine del sé. La ricerca
sulle attribuzioni è stata estesa ulteriormente con l'uso
di prove ovvie e neutre di stile attributivo. Nelle prove
ovvie o trasparenti i deliranti attribuiscono le conseguenze
negative a cause esterne, ma nei test più nascosti
le attribuiscono a cause interne. Ciò supporta ulteriormente
l'ipotesi che il delirio persecutorio possa funzionare
come difesa contro sentimenti sottostanti di
bassa autostima rimandando al sentimento della vergogna
come base di origine del processo delirante (18).
È stata, infine, proposta la tesi che i deliri, nel contesto
della malattia schizofrenica, non siano un aspetto
della malattia in sé ma una risposta adattiva a quel
qualcosa che costituisce la rottura psicotica. Se vengono,
per esempio, paragonati soggetti deliranti con soggetti
che avevano delirato in precedenza ma attualmente
in remissione, i pazienti cronicamente deliranti
mostrano spesso una convinzione maggiore di quelli in
remissione a proposito del significato positivo della vita
ma minore per quel che riguarda la depressione e le
intenzioni suicidarie.
Risulta così, e ci sembra verosimile, che per alcuni il
delirio nasca e si alimenti lì dove esista e sia forte l'esigenza
di un meccanismo adattivo, che proprio attraverso
vie buie e destrutturanti riesca in qualche modo
a combattere la mancanza di scopi, la solitudine, il senso
d'inferiorità, la disperazione e l'isolamento. Così come
si cerca una barca, seppur fragile e instabile, che
possa salvare un Io alla deriva e combattere la penosa
consapevolezza della rottura delle relazioni fuori e all'interno
del proprio mondo, tale da restituire un nuovo
senso d'identità, un più chiaro senso dei limiti e della
responsabilità, un'esperienza di libertà, di protezione
dalle precedenti rotture e un disperato urlo verso
un cambiamento rispetto alla propria paura, preoccupazione,
angoscia e distruzione.


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu